The Dormition of Mary

Mary and the Human Drama of Death (John Paul II)

Concerning the end of Mary's earthly life, the Council uses the terms of the Bull defining the dogma of the Assumption and states: The Immaculate Virgin, preserved free from all stain of original sin, was taken up body and soul into heavenly glory, when her earthly life was over (Lumen gentium, n. 59).

 

With this formula, the Dogmatic Constitution Lumen gentium, following my Venerable Predecessor Pius XII, made no pronouncement on the question of Mary's death. Nevertheless, Pius XII did not intend to deny the fact of her death, but merely did not judge it opportune to affirm solemnly the death of the Mother of God as a truth to be accepted by all believers.

Some theologians have in fact maintained that the Blessed Virgin did not die and and was immediately raised from earthly life to heavenly glory. However, this opinion was unknown until the 17th century, whereas a common tradition actually exists which sees Mary's death as her entry into heavenly glory.

 

Reflecting on Mary's destiny and her relationship with her divine Son, it seems legitimate to answer in the affirmative: since Christ died, it would be difficult to maintain the contrary for his Mother.

The Fathers of the Church, who had no doubts in this regard, reasoned along these lines.

One need only quote St Jacob of Sarug (d. 521), who wrote that when the time came for Mary to walk on the way of all generations, the way, that is, of death, the group of the Twelve Apostles gathered to bury the virginal body of the Blessed One (Discourse on the burial of the Holy Mother of God, 87-99 in C. Vona, Lateranum 19 [1953], 188).

St Modestus of Jerusalem (d. 634), after a lengthy discussion of the most blessed dormition of the most glorious Mother of God, ends his eulogy by exalting the miraculous intervention of Christ who raised her from the tomb, to take her up with him in glory (Enc. in dormitionem Deiparae semperque Virginis Mariae, nn. 7 and 14: PG 86 bis, 3293; 3311).

St John Damascene (d. 704) for his part asks: "Why is it that she who in giving birth surpassed all the limits of nature should now bend to its laws, and her immaculate body be subjected to death?" And he answers: "To be clothed in immortality, it is of course necessary that the mortal part be shed, since even the master of nature did not refuse the experience of death. Indeed, he died according to the flesh and by dying destroyed death; on corruption he bestowed incorruption and made death the source of resurrection" (Panegyric on the Dormition of the Mother of God, n. 10: SC 80, 107).

 

It is true that in Revelation death is presented as a punishment for sin. However, the fact that the Church proclaims Mary free from original sin by a unique divine privilege does not lead to the conclusion that she also received physical immortality. The Mother is not superior to the Son who underwent death, giving it a new meaning and changing it into a means of salvation.

Involved in Christ's redemptive work and associated in his saving sacrifice, Mary was able to share in his suffering and death for the sake of humanity's Redemption. What Severus of Antioch says about Christ also applies to her: Without a preliminary death, how could the Resurrection have taken place? (Antijulianistica, Beirut 1931, 194s).

To share in Christ's Resurrection, Mary had first to share in his death.

 

The New Testament provides no information on the circumstances of Mary's death. This silence leads one to suppose that it happened naturally, with no detail particularly worthy of mention. If this were not the case, how could the information about it have remained hidden from her contemporaries and not have been passed down to us in some way?

As to the cause of Mary's death, the opinions that wish to exclude her from death by natural causes seem groundless. It is more important to look for the Blessed Virgin's spiritual attitude at the moment of her departure from this world.

In this regard, St Francis de Sales maintains that Mary's death was due to a transport of love. He speaks of a dying in love, from love and through love, going so far as to say that the Mother of God died of love for her Son Jesus (Treatise on the Love of God, bk. 7, ch. XIII-XIV).

Whatever from the physical point of view was the organic, biological cause of the end of her bodily life, it can be said that for Mary the passage from this life to the next was the full development of grace in glory, so that no death can ever be so fittingly described as a dormition as hers.

In some of the writings of the Church Fathers we find Jesus himself described as coming to take his Mother at the time of her death to bring her into heavenly glory. In this way they present the death of Mary as an event of love which conducted her to her divine Son to share his immortal life. At the end of her earthly life, she must have experienced, like Paul and more strongly, the desire to be freed from her body in order to be with Christ for ever (cf. Phil 1:23).

 

The experience of death personally enriched the Blessed Virgin: by undergoing mankind's common destiny, she can more effectively exercise her spiritual motherhood towards those approaching the last moment of their life.

 

 


General Audience, John Paul II, June 25, 1997


Maria è morta come Cristo è morto (Giovanni Paolo II)

Pio XII, non si pronuncia sulla questione della morte di Maria

1. Circa la conclusione della vita terrena di Maria, il Concilio riprende i termini della Bolla di definizione del dogma dell'Assunzione ed afferma: "L'Immacolata Vergine, preservata immune da ogni macchia di colpa originale, finito il corso della sua vita terrena, fu assunta alla celeste gloria in corpo e anima" (LG, 59). Con questa formula la Costituzione dogmatica "Lumen gentium", seguendo il mio Venerato Predecessore Pio XII, non si pronuncia sulla questione della morte di Maria. Pio XII tuttavia non intese negare il fatto della morte, ma soltanto non giudicò opportuno affermare solennemente, come verità che doveva essere ammessa da tutti i credenti, la morte della Madre di Dio.

Alcuni teologi, in verità, hanno sostenuto l'esenzione della Vergine dalla morte e il suo passaggio diretto dalla vita terrena alla gloria celeste. Tuttavia questa opinione è sconosciuta fino al XVII secolo, mentre in realtà esiste una tradizione comune che vede nella morte di Maria la sua introduzione alla gloria celeste.

Maria è morta, come Cristo è morto

2. È possibile che Maria di Nazaret abbia sperimentato nella sua carne il dramma della morte? Riflettendo sul destino di Maria e sul suo rapporto con il divin Figlio, sembra legittimo rispondere affermativamente: dal momento che Cristo è morto, sarebbe difficile sostenere il contrario per la Madre.

In questo senso hanno ragionato i Padri della Chiesa, che non hanno avuto dubbi al riguardo.

Basti citare san Giacomo di Sarug († 521), secondo il quale "il coro dei dodici Apostoli" quando per Maria giunse "il tempo di camminare sulla via di tutte le generazioni", la via cioè della morte, si raccolse per seppellire "il corpo virgineo della Benedetta"1.

San Modesto di Gerusalemme († 634), dopo aver ampiamente parlato della "beatissima dormizione della gloriosissima Genitrice di Dio", conclude il suo "encomio" esaltando l'intervento prodigioso di Cristo che "la risuscitò dal sepolcro" per assumerla con sé nella gloria2.

San Giovanni Damasceno († 704), per parte sua, si chiede: "Come mai colei che nel parto passò sopra tutti i limiti della natura, ora si piega alle sue leggi e il suo corpo immacolato viene sottoposto alla morte?". E risponde: "Bisognava certo che la parte mortale venisse deposta per rivestirsi di immortalità, poiché anche il padrone della natura non ha rifiutato l'esperienza della morte. Egli, infatti, muore secondo la carne e con la morte distrugge la morte, alla corruzione elargisce l'incorruttibilità e il morire lo fa sorgente di risurrezione".3

Maria ha potuto condividere la morte in vista della redenzione

3. È vero che nella Rivelazione la morte è presentata come castigo del peccato. Tuttavia il fatto che la Chiesa proclami Maria liberata dal peccato originale per singolare privilegio divino non porta a concludere che Ella abbia ricevuto anche l'immortalità corporale.

La Madre non è superiore al Figlio, che ha assunto la morte, dandole nuovo significato e trasformandola in strumento di salvezza.

Coinvolta nell'opera redentrice e associata all'offerta salvatrice di Cristo, Maria ha potuto condividere la sofferenza e la morte in vista della redenzione dell'umanità.

Anche per Lei vale quanto Severo d'Antiochia afferma a proposito di Cristo: "Senza una morte preliminare, come potrebbe aver luogo la risurrezione?" (Antijulianistica, Beirut 1931, 194s). Per essere partecipe della risurrezione di Cristo, Maria doveva condividerne anzitutto la morte.

L'atteggiamento spirituale della Vergine al momento della sua dipartita

4. Il Nuovo Testamento non fornisce alcuna notizia sulle circostanze della morte di Maria. Questo silenzio induce a supporre che essa sia avvenuta normalmente, senza alcun particolare degno di menzione. Se così non fosse stato, come avrebbe potuto la notizia restare nascosta ai contemporanei e non giungere, in qualche modo, fino a noi?

Quanto alle cause della morte di Maria, non sembrano fondate le opinioni che vorrebbero escludere per Lei cause naturali. Più importante è la ricerca dell'atteggiamento spirituale della Vergine al momento della sua dipartita da questo mondo. A tale proposito, san Francesco di Sales ritiene che la morte di Maria sia avvenuta come effetto di un trasporto d'amore. Egli parla di un morire "nell'amore, a causa dell'amore e per amore", giungendo perciò ad affermare che la Madre di Dio morì d'amore per suo figlio Gesù4.

Qualunque sia stato il fatto organico e biologico che causò, sotto l'aspetto fisico, la cessazione della vita del corpo, si può dire che il passaggio da questa all'altra vita fu per Maria una maturazione della grazia nella gloria, così che mai come in quel caso la morte poté essere concepita come una "dormizione".

5. In alcuni Padri della Chiesa troviamo la descrizione di Gesù stesso che viene a prendere sua madre nel momento della morte, per introdurla nella gloria celeste. Essi presentano, così, la morte di Maria come un evento d'amore che l'ha condotta a raggiungere il suo divin Figlio per condividerne la vita immortale. Alla fine della sua esistenza terrena, Ella avrà sperimentato, come Paolo e più di lui, il desiderio di essere sciolta dal corpo per essere con Cristo per sempre (cfr Fil 1,23).

L'esperienza della morte ha arricchito la persona della Vergine: passando per la comune sorte degli uomini, Ella è in grado di esercitare con più efficacia la sua maternità spirituale verso coloro che giungono all'ora suprema della vita


1 Discorso sulla sepoltura della Santa Genitrice di Dio, 87-99 in C. VONA, Lateranum 19 [1953], 188

2 Enc. in dormitionem Deiparae semperque Virginis Mariae, nn. 7 e 14: PG 86 bis, 3293; 3311

3 Panegirico sulla Dormizione della Madre di Dio, 10: SC 80,107

4 Traité de l'Amour de Dieu, Lib. 7, c. XIII-XIV

Papa Giovanni Paolo II,

Udienza Generale, Mercoledì, 25 giugno 1997