Andrea di Creta e le icone non fatte da mani d'uomo

Andrea di Creta e le icone non fatte da mani d'uomo

Un fatto è che tutte le icone cercano di rispettare un modello comune, la leggenda fa risalire il modello a una icona non fatta da mani d'uomo.

Andrea di Creta racconta tale leggenda.

 

" Il primo esempio è l'icona di nostro Signore Gesù Cristo, inviata al re Agbar. Questa immagine raffigura su tela di canapa le fattezze della Sua forma corporea e non era diversa dalle immagini dipinte a colori.(1)

Un secondo esempio è quello dell'immagine, non dipinta da mano d'uomo (acheirographon ovvero acheiropita), di colui che è stato generato senza seme. Questa icona si trova a Lidda (Palestina), una città chiamata pure Diospolis. L'icona è dipinta in forma molto chiara su una superficie, e mostra il corpo della Madre di Dio, avente tre cubiti di altezza. Viene venerata fin dal tempo degli apostoli nella parte occidentale del tempio da loro edificato. [...] Si racconta pure che questo tempio fu edificato nel tempo in cui la Madre di Dio era ancora in vita. Salendo al monte Sion, dove ella abitava, gli apostoli le dissero: "Dove eri, o Signora, quando noi abbiamo edificato una chiesa in tuo onore a Lidda?". Maria rispose loro: "Ero io pure con voi e sono ancora là ". Quando essi ritornarono a Lidda ed entrarono nel tempio, trovarono la sua immagine completamente dipinta, come ella aveva detto. Questo è ciò che anche un'antica tradizione locale attestata fin dall'inizio ; e il fenomeno esiste ancora oggi.

Terzo esempio. Tutti testimoniano che S. Luca, apostolo ed evangelista, dipinse con le sue proprie mani il Cristo incarnato e la sua immacolata Madre e che queste icone sono conservate a Roma con grande onore."(2)

 

È probabile che questa leggenda sia nata qualche tempo dopo la conversione del re Abgar IX (179-214) e che sia stata accettata come autentica in Oriente, ma rifiutata in Occidente. Comunque dobbiamo riconoscere che ha avuto dei difensori anche in tempi piuttosto moderni tra studiosi sia cattolici che protestanti (3).

 


[1] Andrea di Creta, De sacrarum imaginum venerazione, PG 97,1301-1304.

[2] Andrea di Creta, De sacrarum imaginum veneratione, PG97, 1301-1304.

[3] A.LIPSIUS, Die edessenische Abgarsage kritisch untersucht, Braunschweig 1880 ; L. J. TIXERONT, Les origines de l'église d'Edesse et la légende d'Abgar, Paris 1888; E. von DOBSCHUTZ, Der Briefwechsel zwischen Abgar und Jesus, in Zeitschrift fur wissenschaftliche Theologie 43 ( 1900) pp. 422-486.

 

L.Gambero,

Pontificia facoltà teologica Marianum , Roma