Natale, risposta alla crisi ariana

Natale, risposta alla crisi ariana

La crisi ariana

La crisi riguarda la fede nella divinità di Gesù, esplode in 318, con gli scritti di Ario di Alessandria: secondo Ario, il figlio è stato generato, deriva della sostanza divina, è venuto all'esistenza prima dei secoli, ma prima di essere stato generato non esisteva, non è Dio, è un semi-urge. Secondo Ario, il Cristo è dunque creato, è un figlio adottato dal Dio Padre. La crisi è grave, la maggioranza dei vescovi era ariani.

L'errore è il suo non ricevere la rivelazione della divinità di Cristo che è Dio e che rivelaci che in Dio ci sono il Padre e il Figlio.

Il patriarca di Alessandria risponde che il Cristo è della stessa natura del Padre. E le dispute si complicano a causa del desiderio del potere.

 

La risposta del concilio di Nicea

Il concilio di Nicea, convocato dall'imperatore, si riunisce in 325, ed il papa approvò il contenuto. Gesù è Dio di Dio, luce nata dalla luce, vero Dio nato dal vero Dio, generato non creato, della stessa natura del Padre ".

Ma l'eresia si prolunga ; la Chiesa imporrà di pregare il Credo durante la messa domenicale, e, con un linguaggio non verbale, si inclina o si inginocchia, si venera il momento dell'Incarnazione, perché l'Incarnazione è il momento dell'incontro tra Dio e l'umanità.

 

La festa di Natale

Si può ritenere che l'istituzione a Roma, intorno all'anno 336, della festa del Natale del Signore costituisca la traduzione liturgica della definizione cristologica di Nicea. Offre la possibilità di venerare l'Incarnazione e di meglio capire essa.

 


F. Breynaert, ringraziando padre I. Calabuig (Marianum)

Cf. Ignazio CALABUIG, Il culto di Maria in occidente,

In Pontificio Istituto Liturgico sant'Anselmo.

Scientia Liturgica, sotto la direzione di A.J. CHUPUNGCO, vol V,

Piemme 1998. p. 277-279