Aleredo di Rievaulx (1110-1167)

Aleredo di Rievaulx (1109-1167)

Questo autore, canonizzato dalla Chiesa, ha quasi lo stesso livello di un san Bernardo, del quale Aelredo, nella vita, assimilo mirabilmente la spiritualità, talora, è andato più avanti. Egli è sicuramente il rappresentante più qualificato del monachesimo cistercense della sua epoca in territorio inglese.

Nacque nello Yorkshire nel 1100. Dopo essere stato da giovane paggio alla corte di Scozia, nel 1133 entro come monaco nell'abbazia cistercense di Rievaulx. Nel 1142 si trasferì nel monastero di Revesby, nel Lincolnshire, dove era stato nominato abate ; ma nel 1146 ritorno a Rievaulx con la medesima incombenza.

Morì nel 1167, dopo aver trascorso gli ultimi anni nelle sofferenze causate da malesseri fisici e sopportate con esemplare serenità.

Fino al termine dei suoi giorni fu un'esperta e instancabile guida di anime e un amministratore saggio e sperimentato della vita monastica.

 

Vedremo le grandi tematici di Aelredo :

  • Il Cristo sposo « ha unito l'anima della SS Vergine alla sua divinità » [1] ;

  • « La Bellezza di Maria » [2] ;

  • « L'Assunzione » [3] ;

  • « La mediazione e la maternità spirituale » [4] ;

  • « Devozione alla Signora e Regina » [5] ;

  • « I germe della preghiera della corona » [6] ;

  • finisciamo con un testo pieno di sapore su Gesù perso e ritrovato nel tempio [7]

 

 


 

Luigi Gambero.