Il Cristo nella Santa Scrittura

Il Cristo proclama nel suo Vangelo, “non son venuto per abolire, ma per dare compimento” (Mat 5, 17), indicando così come la Nuova Alleanza, che Egli inaugura, ha per fondamento la Prima Alleanza, quella contenuta nella Legge e nei Profeti, sino a Lui. Poichè la Legge e i Profeti hanno annunciato a Israele la venuta del Messia-Salvatore e hanno preparato il popolo eletto a riconoscerLo quando sarebbe venuto.

Così il Cristo Gesù, Messia, è al centro delle Sacre Scritture, poichè Egli è Colui al quale si riferiscono le Promesse annunciate al popolo eletto nella Prima Alleanza e Colui attraverso il quale inizia la Nuova Alleanza con Israele, sigillata nella sua Incarnazione messianica. Come è formulato dal vecchio adagio, secondo la mirabile formula di Sant’Agostino, «In vetere Testamento novum latet, in novo vetus patet» e cioè:

 «Nel Testamento Antico è nascosto il Nuovo, e in quello Nuovo l'Antico diventa chiaro» (S. Agotino Hept. 2, 73 : PL 34, 623)